top of page
  • Immagine del redattoreCristina Maderni

Fiduciari ticinesi: nuovi ruoli per nuove opportunità

Rivista della SSIC - dicembre 2018


Pariliamo di...


Cristina Maderni, presidente FTAF


Lo scenario economico e finanzia­rio ticinese è stato, nel corso degli ultimi anni, segnato da trasforma­zioni intense ed estese. Grande è la sfida che ne è derivata a noi fiduciari di ogni categoria. Abbiamo però saputo reagire con prontezza, ottimizzando il nostro modello di business ed acquisen­do quelle nuove competenze che sono necessarie per affrontare nel mercato di oggi, che finalmente mostra segnali di crescita. In que­sto processo, non siamo stati soli, ma abbiamo potuto contare sull'appoggio delle sei Associazioni che ci rappresentano, e della Fede­razione che le riunisce. Ne parlia­mo con Cristina Maderni Presi­dente dell'Associazione.


Quali categorie professionali sono rappresentate?

Fondata nel 1992, la Federazione Ticinese delle Associazioni di Fidu­ciari, è quindi presente da oltre 25 anni sulla piazza finanziaria ticine­se per promuovere e sostenere le Associazioni di categoria affiliate, cioè l'Associazione dei contabili­control/er (ACF), l'Associazione Sviz­zera di Gestori di Patrimoni (ASG), organismo leader del settore a livel­lo nazionale, Expert Suisse, Fiduciari Suisse, l'Ordine dei Commercialisti del Canton Ticino (OCCT), e SVIT Ticino, Associazione dei fiduciari immobiliari.


Tutti ambiti che sono stati inte­ressati da trasformazioni ed evoluzioni profonde?

Effettivamente, ognuna di queste categorie, pur in misura diversa, ha dovuto adeguarsi alle trasformazio­ni normative che si sono succedute, talvolta in modo rapido per non dire tumultuoso, a livello nazionale ed internazionale. Si è inoltre dovu­ta confrontare con andamenti congiunturali altalenanti, complicati dal fattore cambio e da tassi d'inte­resse negativi, con difficoltà perdu­ranti nei rapporti bilaterali con l'Ita­lia, poco rispettosa della "road map" concordata in tema di apertura del mercato e reciprocità. Ne è derivata pressione sui costi, concomitante con la necessità di implementare procedure di compliance e traspa­renza di per sé giuste, ma sempre più estese ed intrusive, con adempi­menti burocratici sempre più pesanti e con la necessità di investi­re in nuove tecnologie. Il tutto in una fase congiunturale a lungo dif­ficile. Rilevante per noi infine è la cornice fiscale cantonale, ad oggi non particolarmente competitiva e su cui attendiamo gli sviluppi delle recenti discussioni di taglio del moltiplicatore.


Questi adeguamenti hanno avuto effetti negativi sulla strut­tura dei vostri associati?

Direi che la fase di trasformazione e di congiuntura difficile è stata superata positivamente, sia in termini qualitativi che quantitativi. Lo prova fra l'altro il fatto che il nume­ro dei fiduciari ticinesi è salito e che il livello di occupazione da essi generato si è mantenuto stabile. Al 31 dicembre 2017 gli iscritti all'Albo erano 1.497, il dato massimo mai rilevato, con un incremento di 280 unità negli ultimi dieci anni, sia fra i commercialisti che fra i fiduciari finanziari, spesso usciti dal settore bancario e desiderosi di mettere alla prova la loro professionalità, e fra gli operatori immobiliari.


Come opera la FTAF?

Opera in modo articolato attraver­so vari organi e Commissioni. Il rap­porto è costante con l'Autorità di vigilanza, al fine di facilitare i necessari controlli, di contrastare eventuali comportamenti devianti e fenomeni di abusivismo professio­nale. Lo scenario che si è andato delineando impone inoltre una massiccia attività di informazione, formazione ed aggiornamento con­tinuo per ogni figura professionale rappresentata nelle Associazioni che ci compongono a noi associate, e che fa capo in particolare al/'JFPF presso il Centro di Studi Bancari di Vezio, con corsi e seminari lungo tutto l'arco dell'anno.

FTAF vuole essere interlocutrice delle istituzioni pubbliche e della politica, e prende posizioni detta­gliate su tutti i maggiori temi legi­slativi di sua competenza. Pubblica la rivista semestrale Info FTAF su argomenti di attualità professionale e generale. Promuove eventi informativi e di approfondimento che culminano col Forum annuale, che vede la partecipazione di noti specialisti settoriali e figure di spicco del mondo politico e istituzionale.


Una visione in cui le opportu­nità sorridono e le sfide vengo­no affrontate con serenità?

Oggi, ed in concomitanza con una migliore congiuntura del settore bancario, finanziario e dell'econo­mia in generale, FTAF si pone a paladina di categorie professionali ricche di tradizione e di know-how, che hanno meritato la fiducia di una vasta clientela privata ed aziendale, che si dimostrano capaci di genera­re occupazione, ricchezza ed un gettito fiscale non trascurabili. Racco­gliamo con ottimismo e fiducia le opportunità, convinti di poter superare quelle sfide che inevitabilmente si presenteranno lungo il percorso e di poter continuare a contribuire al benessere delle nostre imprese, dei nostri collaboratori e delle loro fami­glie, del nostro Cantone.


2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ci vogliono vere misure economiche per le piccole imprese

Ticino News 20 marzo 2020 CRISTINA MADERNI Oggi non vi scrivo come deputata al Gran Consiglio, né come vice-presidente della camera e tantomeno come presidente dei fiduciari. Vi scrivo, invece, come u

bottom of page